unit 2

lunedì 1 dicembre 2014

Broderie suisse o punto svizzero


La broderie suisse (chiamata anche punto svizzero) è una tecnica di ricamo molto antica che in origine veniva eseguita su tela bianca per cui si avvicinava molto alla broderie anglaise mentre solo successivamente al 1850 è stata eseguita sulla tela di Vichy. Questa tela che ha fatto la sua prima apparizione in Francia nel 1850, appunto, è un cotone 100%  quadrettato in cui sono presenti quattro tipi di quadretto: uno di un colore ben definito (che può essere rosso, verde, marrone, nero e giallo), uno bianco e gli altri due grisè, ovvero intermedi (tra il bianco e l'altro colore ma uno è più chiaro e l'altro più scuro). Le dimensioni del quadretto sono di 6X6 mm.
Successivamente la tecnica si è spostata negli USA, principalmente negli stati occidentali, grazie alla colonizzazione per poi tornare negli anni '80 in Francia col nome di chicken scratch.
Reperire gli schemi una volta era praticamente impossibile perchè si tramandavano di generazione in generazione attraverso il passaparola; oggi è molto più semplice e sempre più pubblicazioni si occupano di questo tipo di ricamo. in Italia, in particolare, da tre anni a questa parte è diventata molto di moda e si va sempre più diffondendo.
Oggi, in particolare, si cerca di scegliere colori più moderni come il glicine o il verde acido e si studiano motivi sempre più accattivanti per cercare di realizzare quanti più complementi d'arredo possibile non limitandosi, quindi, come all'inizio alla realizzazione di soli oggetti da cucina come presine, grembiuli, tovaglie e strofinacci.
Oggi si realizzano cuscini, borse, paralumi, porta-occhiali, fodere di agende, quaderni, segnalibri, e quanto di più possibile si possa immaginare con la fantasia. 
Nel periodo natalizio c'è il suo exploit perchè i colori verde e rosso si adattano perfettamente ai temi caratteristici del periodo.
Il filato che si utilizza per il ricamo è il perlè n.8, un cotone anch'esso 100%, molto ritorto dalla caratteristica brillantezza.
La particolarità di questa lavorazione sta nel fatto che cambiando il quadretto dove si va ad eseguire un determinato punto oppure cambiando solamente il colore del filo si ha la percezione ottica di aver realizzato un altro motivo proprio perchè l'alternanza dei quattro tipi di quadretto combinati con colori differenti dà questa "illusione" ottica se possso chiamarla così.
Sotto metto due foto dello stesso identico motivo realizzato mettendo colori diversi su quadretti diversi ma utilizzando necessariamente lo stesso schema:


cambiando ancora le combinazioni si possono ottenere molti altri effetti utilizzando sempre lo stesso disegno!

Cuoricino

 



Per quanto riguarda noi, andiamo ad eseguire un semplice cuoricino che ho disegnato utilizzando due tipi di punto, che sono: 
  • il point étoilé o punto asterisco
  • il point de couronne o punto passato a rombi
prendendo due colori di perlè n.8 ovvero rosso e bianco.
Buon lavoro!!!!!!